L’ideologia del divieto di cura

Nel post di ieri dedicato al rapporto rischi – benefici  dei vaccini e al modo con cui si bara su di esso, ho mostrato che  il sostanziale “divieto di cura”  è stato una delle basi su cui si appoggia ancora oggi la narrativa pandemica. Questo orientamento delle multinazionali del farmaco si è in realtà manifestato […]

L’ideologia del divieto di cura

Accozzaglie

La vaccinazione non comporta la possibilità di evitare l’uso dei DPI. Ormai è stato chiarito. La motivazione è pure nota, ossia il vaccino non inibisce la veicolazione del virus. È chiaro anche questo. Ma non si capisce perché si è arrivati all’OBBLIGO della vaccinazione, con  assunzione di responsabilità di rischio effetti collaterali da parte di chi accetta la somministrazione, mentre nessuna responsabilità si addossano coloro che somministrano e, soprattutto, l’industria farmaceutica.
Qual’è il principio di ragionevolezza di tutto questo?

Solo l’idiozia di pensiero può plaudire ad una simile accozzaglia di incoerenze.

L’informazione da Covid-19

L’informazione mainstream è totalmente asservita al progetto di vaccinazione di massa. Non una notizia sui decessi post-inoculazione, non due parole sui fatti sospetti riconducibili al vaccino. Una corretta informazione riporta i fatti, lasciando al fruitore del servizio la facoltà di analizzare le conseguenti e libere valutazioni.
A chi si affaccia solamente dalla finestra della cosiddetta informazione unica gli sfugge l’assenza di imparzialità di quegli organi preposti al servizio della collettività.
Consiglio a tutti di iniziare a mettere in discussione le fonti che vanno per la maggiore, e di avvicinarsi progressivamente ad altri giornali e siti cosiddetti di controinformazione, perché consentono di dar miglior luce all’oggetto dell’argomento trattato, da ogni singolo lato e sfaccettatura.

Buon Compleanno, amore mio ♥️

Buon Compleanno, amore mio ♥️

Ed eccoti qua, a contare ancora una volta gli anni, a renderti conto dell’inesorabile passare del tempo che però, a dispetto della tua opinione, non rende giustizia alla tua immagine, sempre fanciullesca, brillante ed equilibrata al tempo stesso.
Gli anni trascorsi non hanno cancellato la tua inebrianza, la tua razionalità, e la tua presenza sempre marcata ed efficace.
Sei il fiore cresciuto in un mondo arido di sani valori, l’effetto speciale offerto allo spettatore più esigente, il cibo da accompagnare all’elisir della buona vita.
Anno dopo anno nulla è cambiato, lasciando crescere tutte le ragioni che mi spingono a credere che nulla di te può darmi assuefazione.
Ogni giorno è una prolungata emozione, ogni sguardo è una nota melodica, ogni contatto è un caldo conforto.
E oggi, nel giorno del tuo compleanno, io celebro i meriti dei giorni passati e di quelli futuri, l’apprezzamento ineludibile di ogni singola attinenza a te.
Nulla di più profondo e vero nel dirti:

Buon Compleanno, amore mio ♥️

Intrecci

Intrecci
(foto luciowords)

Da un’unica radice si espandono gli intrecci che rappresentano singoli percorsi di vita, ciascuno riferito ad una singola scelta che la stessa vita impone di affrontare.

Le innumerevoli opzioni generano un ventaglio di situazioni, difficilmente prevedibile, anche se scelte di vita differenti ci possono portare a risultati molto vicini tra loro.